Per una critica dell'insalatiera  

loveyoubaby76 41F
983 posts
1/28/2006 7:35 am

Last Read:
8/26/2006 5:09 am

Per una critica dell'insalatiera


Prof .. non vale, e’ scorrettissima!! Lei doveva interpretare l’insalatiera, come preferiva, tecnica psicoanalitica delle libere associazioni ad esempio. Prendeva un sostantivo, il corallo ad esempio, e si ricollegava alle cosce di madreperla, lasciava liberta all’inconscio .. no, lei vuole sapere come e’ possibile che quella roba sia finita nell’insalatiera,non vuole saper nulla sulla sua natura o quant’altro.
Vediamo, grumble grunble, brutta cosa il determinismo .. ero in un raptus di regressione infantile, salita sulle giostre del quartiere, in occasione di una festa stracciata, dove i bonzi della ricchezza ideologica amano riprendersi quello strano coso che ancora si ostinano a chiamare vita.
Proprio mentre passavo sul muso dei bifolchi, ad un signore volo il cappello, per il vento, e cadde al centro della giostra e si poso a pochi passi dal mio cavallo, dopo volteggiamenti striminziti. Mi abbassai impietosita a raccoglierlo. Ma come sa chi trascorre la sua giornata sperando di veder spuntare da sotto le sottane il colore a tutti noto, le insidie a 50 cm da terra sono sempre in agguato. Vidi due cosce meravigliose accavallarsi. Appartenevano a una di quelle donne a cui vien spontaneo, nelle sere in cui ti rivolti sulla carta ancora bianca, scrivere e non smettere piu. L’occhio se ne ando da una parte, il braccio dall’altra, il culo era rimasto al vento, chinandomi. La giacca non segui le cose ben coordinata e si strappo un bottone ed il culo prese freddo che non c’entra nulla con gli oggetti dell’insalatiera ma a me interessa . Vero prof, non le ho detto nulla della relazione tra gli oggetti e l’insalatiera e ancor meno della relazione tra gli eventi ed il racconto, non solo, la forma dell’insalatiera non ci e’ nota. Un approccio evento/forma e’ fondamentale .. prof, che fa, va via?!?!

loveyoubaby76 41F
292 posts
2/3/2006 3:52 am

Supersipo, il gioco al massacro e’ un’opzione a cui siamo soggetti in molti. I miei studi logici, filosofici e linguistici non mi hanno fornito il mezzo per farlo con metodo, ma in Heidegger dovevo incappare. Come me la sono cavata? Beh, tra le righe di questo blog, ogni tanto l’ho scritto e mi perdonerai una autocitazione “E' vero, a volte penso troppo e tutto assassino in quei momenti, se pensi troppo ti senti il piu bastardo dei bastardi e non e' con una trasgressione fatta di incremento di numero di cazzi presi che affronti il problema. Allora ti butti sulla strada, felice di sentirla sotto i tuoi piedi e lasci che tutte le immagini ti scivolino nella mente e certe volte ti trovi a essere sensuale come non mai, altre volte, ti trovi a piangere e vomitare sul water”
Stampo santacrociano, hai maledettamente ragione. Mentre mi maltrattavo, e pian piano incominciava ad apparirmi qualcosa del mio Io, che assumeva sempre piu l’aspetto di un Noi, m’e’ corso in aiuto un pensiero, anzi, un amore. La Grecia. Non so dirti chi ha avuto pena di me dei grandi, ma mi e’ giunto chiaro questo pensiero: non chiedere al tuo Noi cose che non sono di sua competenza affrontare, quelli sono compiti della polis. Poiche questo pensiero mi era di grosso aiuto, ho spergiurato sulla sua validit√† piu del dovuto, probabilmente. Che vuoi, la parte puttana di me ne ha approfittato biecamente, le altre sono state zitte, si sono fatte tirar fuori dalla merda con lei, per dirla con linguaggio del tardo 500, e poi si sono messe a disquisire finemente.
Gli hanno trovato dei difetti, vero. Ma, tutto sommato, sta ancora in piedi. Alla politica cio che e’ della politica, e mentre lo dico sono certa che nessuno vorra confondere politica con la stupidita elettorale del momento


loveyoubaby76 41F
292 posts
2/15/2006 5:38 am

Era realmente una domanda? Sembrava un gioco di parole da tarda sera. Oppure un "e' nato prima l'uovo o la gallina?" Certo, si potrebbe prendere l'espressione vaga e dilatarla condendola con altre espressioni vaghe, intendevi questo? Oppure, tu dalle un senso, che rispondo, giurin giuretto!


Become a member to create a blog