Bella ma fantastica  

rm_35jjj 49M
16 posts
11/26/2005 7:41 am

Last Read:
5/24/2006 3:42 am

Bella ma fantastica

Aggiungo oggi un ricordo di un passato che non c'è, ma che mi piacerebbe potesse esserci.

l'incontro?
L’appuntamento era alle 17.00. Ma Lei tardava. Normale. Ogni Donna ama, credo, farsi un po’ attendere. Rimembravo così tutte le parole usate per cercare di incontrarla. Mi era bastato leggere le sue chat, per capire quanto era simpatica. Mi era bastato intravedere una sua foto per capire come avrebbe potuto essere una donna che avrebbe potuto lasciare il segno. Mi era bast… ops eccola è Lei. Sorridente, non poteva essere diversamente, mi viene incontro. Esco dall’auto e l’accolgo con una stretta di mano e un bacio. Caspita.. respiro il suo profumo, è proprio come Lei, inebriante e sensuale al solo contatto della nostra pelle. Come d’accordo prendiamo un caffè insieme… Incredibile come sorridiamo e parliamo liberamente come se fossero anni che ci conosciamo. Dentro di me il mio corpo è in subbuglio, e tengo a freno le mie mani che vorrebbero fin da subito poterla accarezzare. Anche il solo contatto fra le mie gambe e le sue, siamo seduti uno affianco all’altro, mi fa eccitare. Non so se Lei se ne accorge o se le sensazioni che sto provando io sono anche le sue. Allora glielo dico e , anche se con un po’ di imbarazzo ammette, anche se magari solo in parte, che anche Lei si sta scaldando un po’. Ecco perché tolgo ogni mia reticenza e la invito ad uscire con me per .. un posto un po’ più tranquillo. Non avevamo fatto progetti ‒ “ci si incontra, prendiamo qualcosa insieme e vediamo cosa succede..” - erano gli accordi, ecco perché andando verso l’auto le cingo i fianchi per vedere la reazione, che arriva quasi come se l’aspettasse, con un “No, per favore”, subito seguito da un più affettuoso “non qui!” sussurratomi all’orecchio. Questo non fa altro che farmi ribollire il mio sangue, tanto che appena saliti in auto le chiedo se posso baciarla, abbandonando qualsiasi remora. Il bacio, prima morbido, poi sempre più avido da parte di entrambi, produce in me un erezione incredibile e una voglia di poterla avere almeno una volta tutta per me. Le mie mani ora cercano il suo corpo, le sue il mio. Il calore che avverto tra le sue cosce mi fa impazzire, sentire che il mio contatto le da piacere non fa altro che eccitarmi ancora di più. Le chiedo se un hotel non sarebbe luogo migliore.. acconsente……… Salendo con l’ascensore, impossibilitati ad aspettare, i nostri corpi continuano a cercarsi come prima, sino al piano della camera. Riusciamo ad aprire e senza staccarsi finiamo direttamente sul letto. A quel punto ci interrompiamo un attimo. Entrambi evidentemente vogliamo gustare quel momento senza avere fretta. Cosi comincio a spogliarla, e lentamente dopo la giacca, la camicia e la gonna mi fermo a rimirarla nel suo completo di pizzo nero…le mie mani adesso salgono dai fianchi fino al seno, abbondante e sodo.La faccio girare, e mentre con il mio respiro le accarezzo il collo, le sgancio il reggiseno gettandolo via …mi appoggio a Lei cingendola con le mie braccia con le mie mani calde ad accarezzare il suo ventre. Le mie dita appena sfiorano le sue mutandine alzando appena il bordo elastico… Lei si siede sul fianco del letto e io ne approfitto per cogliere tra le mie mani il suo magnifico petto, dove grazie anche ai miei baci sulle spalle, spiccano i capezzoli turgidi dal piacere di essere al centro delle mie attenzioni…………….


Become a member to create a blog