Scienza e righello  

loveyoubaby76 40F
983 posts
11/17/2005 4:27 am

Last Read:
8/24/2006 3:00 pm

Scienza e righello


Oggi mi do alla scienza, un po’ di cultura non fa male, ogni tanto. Quindi cerchero di colmare un po’ di vostre lacune, perche, anche se non lo sapete, siete lacunosi Solo di passaggio, vi diro’ che quanto diro’ corrisponde al vero, al meglio delle mie conoscenze scientifiche.
Per gli evoluzionisti, nell’affrontare la questione “uomo” sorgono tre problemi. Spiegare la sua andatura su due gambe, il funzionamento della mano, il linguaggio. Qui non intendo discutere della meravigliosa mano, ne del linguaggio, parlero’ dell’andatura bipede.
Come mai l’uomo cammina su due gambe? Ora, nel 2003 e’ uscito un articolo pubblicato da un noto centro di ricerca USA che da la “ migliore spiegazione oggi possibile” della cosa.
Donne, il merito e’ nostro!
Il gruppo di ricercatrici americane e’ arrivata alle conclusioni che vi diro partendo da un problema apparentemente secondario: come mai il pene degli uomini ha le attuali dimensioni?
La domanda non e’ secondaria se si pensa che il pene di un gorilla e’ mediamente uguale ad una penna biro. Come mai nelle scimmie e’ cosi e nell’uomo e’ mediamente tra i 13 e 15 cm?
La risposta e’ stata ovviamente, selezione naturale
Le nostre antenate scieglievano il piu grosso ed i maschietti si dovevano alzare sulle gambe di dietro e mostrarlo. Se i maschietti non si facevano vedere bene e non mostravano i requisiti necessari, nulla, niente trippa per gatti. Ai maschietti non e’ venuto il complesso del pene piccolo cosi, per nulla, sapevano i complessi che dovevano avere. E nello stesso tempo, noi gentil donzelle di oggi, possiamo dire: piaceva gia alle nostre nonne e alle loro nonne, perche’ a noi no?
L’articolo si avventura anche nella discussione sulle caratteristiche che deve avere un valido strumento maschile. In primo luogo, spiega come mai le donne ad un certo punto hanno incominciato a sciegliere su canoni diversi. I 15 cm di circonferenza ed i 17 cm di lunghezza sono mediamente valori di soglia. Normalmente, la penetrazione e’ intorno ai 8/9 cm, di piu fa male, idem per la circonferenza, le statistiche per lei indicano 13 cm come valore ottimale.
Gli ingegneri poi hanno evidenziato come possano sussistere problemi idraulici, nel senso che per una ottimale erezione, il rapporto tra lunghezza e circonferenza debba essere intorno a 1.1, e non comunque superiore a 1.2
Le ricercatrici, dopo aver verificato le preferenze delle donne hanno poi deciso di vedere se le caratteristiche del pene dei maschi corrispondeva. Le misure sono state fatte tra i ragazzi che si presentavano a militare (non dice se sono stati i sergenti a ordinare l’attenti ) ed ha indicato i valori per le 5 fascie:

Lunghezza Circonferenza
12- 2.5% 9- 4.6
12/13 20% 9/10 13%
14/15 42% 11/12 52%
16/17 29% 13/14 24%
18/20 6% 15/16 5%
21+ 0.5 16+ 1.4%

Valore medio: 14.9 12.6
Rapporto: 1.18

La fantasia del pene piccolo nelle donne e’ altrettanto presente rispetto a quella del pene grande, tenendo presente che un pene di lunghezza 8/9 cm e’ comunque in grado di soddisfare le esigenze di orgasmo femminile. Si deve tener conto che i valori medi qui indicati sono comunque lievemente maggiori della media dei desideri delle donne: 14/12

Le mie preferenze? Non ve le dico

sexylakeforyou 55M

11/17/2005 2:54 pm

Un detto popolare della mia zona recita:
"non lungo che tocchi,
non largo che toppi,
ma duro che duri"

se aggiungiamo anche quest'ultima, alle infinite variabili sopraesposte dalla nostra dott.ssa Lyb, posso quasi decretare l'impossibilità per l'uomo di combattere la TOY's industry.

Consiglio, quindi, tutti gli uomini in lettura, di munirsi di cervello, sottili armi di erotismo e di non farsi relegare in una minoranza destinata, nel futuro ormai prossimo, a compiere esclusivamente lavori di forza o d'intrattenimento da giullare alla corte.

Chissa se ho un righello a casa,
forse devo sperare di no,
prima di dormire potrei...


Aroveto 46M

11/18/2005 3:08 am

Sarò maleducato ma prima rispondo a Lake: avevo una collega, la stessa figa di legno con le autoreggenti che viene immeritatamente citata nel mio blog, che sosteneva la medesima tesi: il duro che duri. Poi la fanciulla in questione subliminò il concetto aggiungendo anche il requisito del portafoglio gonfio: come si nota la banalità è sempre dietro l'angolo.

Ora vengo - in senso letterario - a LYB: alcuni ricercatori scientifici dell'Accademia di Prussia hanno sostenuto che la selezione naturale ha operato anche sul piano della consistenza: come ho avuto modo di affermare, mentre la materia ha tre livelli di consistenza - solido, liquido, gassoso - il pene umano ne ha ben quattro: molle, barzotto, duro, duro da culo. Orbene, la selezione naturale avviene anche - ad avviso degli accademici prussiani - nel momento in cui il consumatore finale femminile richiede una determinata consistenza e il proprietario del bene - pardon - del pene non è in grado di produrre l'articolo nel modo richiesto dal consumatore, la quale è costretta, per mantenere lo stesso livello qualitativo del prodotto abitualmente consumato, ovviamente a rivolgersi ad un altro fornitore che gli promette l'articolo sia nella forma che nella consistenza richiesta. In questo caso è stata varata una legge matematica, chiamata la legge del Mioduro, che è la seguente E = Mc2 ossia E rappresenta la donna, M il maschio C la lunghezza del pene che dev'essere al quadrato, formula ingiustamente attribuita ad Einstein per la legge sulla relatività.


Aroveto 46M

11/18/2005 3:12 am

Altre osservazioni estemporanee:
- rammento una vecchia vignetta di Forattini del 92/93 con tre personaggi inquietanti: Bossi, Occhetto e Martinazzoli, con sotto scritto: duro, duretto, dura minga .
- rammento inoltre quando fece scandalo a livello europeo il decreto dell'allora ancora più inquietante Ministro della Sanità De Lorenzo che ordinava la produzione di preservativi di dimensioni maggiori rispetto agli standard europei per gli italiani;
- rammento infine un gustosissimo dialogo tra Verdone e Margherita Buy nel film "Maledetto il giorno in cui t'ho incontrato". Lui chiedeva a lei se le donne preferissero la lunghezza, la larghezza, la durata, la perversione. Le rispondeva schifata: mi sembra il sesso fatto dai geometri, e sillabava "ba - cia - re". Bisogna saper baciare...


rm_ROSATRE 36M
1 post
11/18/2005 4:27 am

Bello sto articolo.... pensa che studi fanno...vorrei capire come hanno intuito che le donne antenate scegliessero in quella determinata maniera il loro partner...comunque a parte lo scetticismo,prendiamolo per vero.
15 cm. di circonferenza? mamma mia che roba....comunque si dice anche che e' importante come lo si usa, quindi approvo quello che dice sexylakeforyou. anche perche troppa scienza o troppi righelli...portano veramente a complessi e calcoli che non fanno parte secondo me della realta'...
la fantasia e l'espressivita di ciascuno, a maggior ragione nel sesso,fanno piu' di qualche cm....
comunque vorrei vedere se uno con 8 cm si presentasse al vostro cospetto, quale sarebbe la reazione!!!


sexylakeforyou 55M

11/18/2005 1:41 pm

FORSE UN POCHINO FUORI TEMA - LyB non avertene a male

E se fosse invece la logica importante fosse: "tosto al momento giusto e non, solo, quando vuole LUI"?.
Se dovessimo iniziare a realizzare statistiche sui "bioritmi del cazzo" per conoscere meglio i suoi comportamenti?.
Quante volte funziona quando non volete e quante
vi ha lasciato a piedi, con la bellissima donna che bramavate di scopare da anni?
Guardate che non scherzo, e sfido gli uomini a dimostrarmi il contrario.

Ieri sera ad esempio, prima di spegnere la candela sul bel comodino stile naifikea legno naturale,
sono stato rapito dalla consistente ed imperativa erezione che mi ha costretto a volgere gli occhi al cielo, ed innalzare una lodevole imprecazione per l'assenza di una donna, che potesse testimoniare e condividere l'attimo.

Certo che se in quel momento avessi avuto affianco l'amica di aroveto intenta a contare nel mio portafoglio, probabilmente mi si sarebbe ammosciato.

In verità, non credo ci sia qualcosa di più forte di una complicità totale, di un'intesa e di un'attrazione forte e viscerale per far passare in secondo luogo le misure.

Se poi è necessario per creare la giusta atmosfera:

il partner più bello,
che sappia fare sesso,
che sia simpatico,
intelligente,
con le cose giuste al posto giusto,
sempre pronto a farlo in ogni posto e momento,
che non pensa al domani lavorativo perchè benestante,
in esclusiva,
rassicurante ma sognante nel medesimo tempo,
romantico,
sempre presente ma che si defili quando di troppo.
E soprattutto dotato delle misure necessarie.

Va beh dai,
sognare è bello, per cui......

chiamatemi


Aroveto 46M

11/19/2005 9:15 am

Cavolo! Precisazione per Lake: ovviamente la banalità di cui parlavo era della collega, non tua! Scusa il lapsus calami.


loveyoubaby76 40F
292 posts
11/19/2005 9:22 am

Debbo ammettere onestamente che questa e' la prima inserzione fatta con lo scopo di discutere di un argomento. Le altre, anche "Civilta" che ha aperto una discussione, non avevano come scopo una chiacchierata. L'ho fatto nel mio solito modo contorto, ma ognuno ha il suo modo di fare e non e' tutta colpa mia se per me la linea piu breve che unisce Alessandria a Torino passa per Londra, fa una scappata per il caffe a Napoli, prende il primo aereo per Bombay si perde, poi qualcosa arriva a Torino.
Onestamente se la ricerca del centro americano ha un interesse questo non riguarda il comportamento sessuale femminile. Almeno non il mio.
Credo inoltre che troppi continuino ad insistere sulla parola fantasia. Non sto dicendo che la fantasia non serve, ne sto sputando sulla mercanzia di lor maschietti, dio me ne guardi. Pero', mettiamo le cose al loro posto. Vediamo, quante volte siete in giro e vi dite "cosa vado a fare a casa" sapendo che a casa non c'e' nessuno? Non per fare l'amore, ma perche entrare nel letto da soli e' pessimo. Dormire da soli e' brutto, facendo o non facendo l'amore. Un orsacchiotto puo essere un ripiego, ma qualche differenza c'e', troppa. Quei momenti in cui non vi interessa tanto chi e' ma un corpo vicino nel letto, il caldo di un corpo, il fare l'amore e' opzionale. Signore, quante volte avete detto "la do a questo" perche non ho voglia di dormire da sola? E voi maschietti, sapete di che parlo?
Almeno in questo senso Lake, la gomma non bastera mai Tranquillo
La gomma basta se lor signori sono convinti che l'unica cosa che conta sono i cm. Parliamo dei cm. Le donne hanno anche la fantasia del pene grosso. Anche. Quello che e' difficile far capire a molti maschietti e' "anche". Io ho quella fantasia, ma sicuramente ne ho altre. Quella del pene piccolo, allo stesso modo di quello grosso c'e' l'altra, fare l'amore con altre donne, e poi altre ancora. Ma sono una percentuale tutto sommato trascurabile. E' bene chiarire il termine fantasia, ora. Normalmente per fantasia sessuale io non intendo il cambiare posizione durante il rapporto, cosa che emerge spesso da molte mail di lor signori ed in generale da chiacchierate. Non e' che quando entri in una stanza con un uomo devi per forza farlo dopo aver rinforzato il lampadario perche normalmente non e' tarato per reggere il peso di due persone.
Le differenze tecniche, chiamiamole cosi, con la fantasia c'entrano poco. Idem con l'erotismo. Sono utili anche loro, non lo nego, ma ogni cosa a suo posto. La bellezza maschile. Per me la bellezza e' un cosa molto importante ma non appartiene alla sfera sessuale. Ha dei rapporti con quella, non lo nego, ma e' cosa diversa. Un corpo bello, maschile o femminile, mi attira in qualche modo ma non e' detto che l'attrazione abbia a che fare con il sessuale, almeno non direttamente. Mi attira un corpo bello come altre cose belle, e la bellezza fisica piu di molte altre cose. Il discorso e' lungo, lo taglio. Sicuramente, altre cose hanno un rapporto piu diretto con la mia eccitazione. Esempi? Vabbe, ve ne faccio alcuni.
Ho un cattivo rapporto con il mare, se penso ad una barca e' un po come pensare ad una galera. Lasciamo perdere, potrebbe farmi passare la voglia di fare l'amore se l'ho. Mentre ho sempre associato montagna e sesso. C'e' un musicista che inizio ad ascoltare ed inevitabilmente ho voglia di far l'amore. La montagna e quel musicista hanno sicuramente effetti molto maggiori che l'idea di un cazzo di grosse dimensioni.
Non ho detto che cos'e per me "la fantasia " con un altro: e' la capacita di crearsi un mondo erotico insieme. Non, io costruisco la mia e tu ne fai parte per necessita e tu costruisci il tuo ed io ne faccio parte per necessita. Una cosa molto complessa, difficile da costruire. Fortunatamente, si puo anche far bene l'amore senza


Priapeo 46M

11/19/2005 6:08 pm

Solo due domande a fior di dura madre e secondo diverse sfumature di grossolanità:

1) In che senso il pene di un gorilla e’ mediamente uguale ad una penna biro? nel senso che ci può fare degli schizzi? (A H ! A H ! A H !)

2) Di un articolo scientifico che disserta di peni, si può dire legittimamente che tratti di cazzate?

infine (ma questo è un consiglio per le ragazze)

3) Non fidatevi mai di un uomo che vi giura di non esserselo mai misurato.

Never argue with an idiot. He brings you down to his level then beats you with experience


prima_o_poi 58M
91 posts
11/20/2005 8:33 am

Ma non era il periodo in cui la fantasia doveva prendere il potere?
Posso comprendere che e' bene che la fantasia si muova su solide basi e che sia comunque utile che un manuale ad uso e consumo delle future generazioni riporti anche dei semplici dati. I dati a loro modo parlano. Il problema e' che spesso ai ognuno fa dire quello che vuole. Comunque, l'idea che uno dei passi fondamentali della storia dell'uomo abbia come cardine il cazzo, mi piace. Tenendo conto poi che una delle strutture sociali che gli antropologi studiano riguardanti gli uomini e' simile a quella dei leoni, gruppi di donne con prole in cerca di cibo da raccogliere con uno o due maschi e gli altri maschi cacciati in giro da soli, ti sembra plausibile che lo sviluppo della mano dipenda dalle necessita dei maschi solitari?


CateClod 51M/52F

11/22/2005 1:23 am

Evoluzionisti evoluti, fatevi avanti, il tema intelligentemente, come sempre, proposto merita un’ampia discussione!

Ci pare che gli effetti derivanti dalla postura eretta siano maggiormente rimarchevoli nella donna.
I genitali femminili, non furono più visibili in modo evidente; l’ovulazione, non si accompagnò più al rigonfiamento dell’area perivaginale (i produttori/commercianti di metodi contraccettivi naturali, ringraziano); diventarono visibili le mammelle.
Ne deriva quindi che la donna acquisì la capacità di attrarre costantemente i maschi, indipendentemente dallo stato recettivo di tipo "estrale", cioè limitata al solo momento fertile, impiegando mammelle di dimensioni tali (statistiche mancanti) da surrogare l’immagine ancestralmente associata all’attività di “zan-zan” prodotta dal culetto femminile (e annessi e connessi), ancorché, all’epoca, villosetto (altro tema, la caduta del pilu!).


Aroveto 46M

11/23/2005 3:24 am

Risposta ai tre amici presenti: LYB titolare del sito, Lake e Priapeo.
Notazione per LYB: La correlazione tra bellezza ed erotismo è la diretta conseguenza del nostro essere di base eredi della cultura greca, uomini greci e donne greche, e come tale vi è un'angosciosa ricerca della bellezza erotica ed anche estetica per sopperire alla lancinante bruttezza della quotidianità: si potrebbe addirittura pensare all'erotismo - non inteso come sesso finalizzato alla fusione interpersonale meramente orgiastica - come il demone, il motore immobile, che ci fa da filtro tra un mondo idealmente bello e la dura realtà.
Notazione per Lake: tu quoque Lake! Scherzi a parte, non era un'amica, era una semplice collega e la sua visione dei rapporti interpersonali, comune moltissime persone tanto uomini quanto donne, era improntata al mero utilitarsimo: venivi frequentato se eri bello, ricco, avevi successo in società, avevi le conoscenze giuste. Altrimenti eri out. Quindi l'ammosciamento era lo stato fisico più comune.
Notazione per Priapeo. Risposta ad 1) Sì, oppure per scrivere un trattato di diritto penale. Risposta a 2) Sì, ma dipendende dall'importanza della cazzata: mai sottovalutare il fatto che in fin dei conti la maggior parte degli eventi storici sono accaduti per una testa di cazzo. 3) Falso. Io per esempio appartengo alla categoria. Insisto sulla citazione del sesso fatto dai geometri.
Notazione per tutti gli amici. Ritengo che le donne vogliano ben altro. Tipo essere travolte dalla passione. Ma questa è un'altra storia.


loveyoubaby76 40F
292 posts
11/23/2005 2:47 pm

Priapeo, se proponi di silurare tutti gli articoli scientifici che tirano in ballo il cazzo, affossi anche un pezzo di psicanalisi L'orgasmo e' una delle poche cose che non interessa corteccia cerebrale ma tutte le parti del cervello.
Per trovare le " cazzate famose" apparve un articolo di un giornalista che era stato ad un convegno Solvay e in quell'articolo diceva che quelle persone erano semplicemente pazzi o coglioni. Li aveva sentiti discutere da gatti vvi, morti, mezzi vivi e mezzi morti e una marea di altre baggianate, continuarli a stare sentire era solo da pazzi. Aveva insistito in realta allo scontro in cui heisemberg e bohr, dopo un duro scontro con einstein, avevano imposto un approccio completamente diverso alla fisica del 900, e al momento della affermazione definitiva del principio di indeterminazione di Heisemberg, perno della meccanica quantistica. Facciamo cosi diciamo che ci sono tante cazzate ma anche quelli che sanno bene che dicono

Non so Aroveto. Sicuramente il nostro mondo ha molti legami con quello greco, ma non e' detto che il legame sia li. Poi, quello che dici ha certamente un peso a livello di popoli. Quando la cosa e' riferita ad una singola persona, queste macrotenndenze vanno tenute presente ma e' forse piu importante guardare la storia della singola persona.


rm_caramello65 52M

11/26/2005 6:53 am

Ognuno ha le sue campane da ascoltare ed è giusto che sia così.
Come è giusto che non esista una sola teoria scientifica valida senza che ne esistano altre.
Per quel che ho potuto sentire io ad un convegno l'ergersi in piedi dell'uomo rispetto ai gorilla fu dovuta ad altro.
Fu un errore genetico, la perdita di due cromosomi a far si che la scimmia assumesse una posizione eretta e non altro, che sconvolsero il sistema alimentare e le abitudini dei gorilla diciamo "geneticamente modificati"
Possiamo quindi dedurre che l'uomo e la sua evoluzione ci son stati perchè noi abbiamo qualcosa in meno dei gorilla e non in più.
Potrà non piacere


omoerectusiculo 46M
6 posts
1/8/2006 5:45 pm

'a FANTASIA... (di Eduardo De Filippo)



Pigliammoce sta vita cumme vene,

llassammo for' 'a porta 'a pucundria,

mparammece a campà c' 'a fantasia:

nce sta cosa cchiù bella pè campà?

'A fantasia se sceta ogne matina

comme si fosse prencepe rignante,

affonna 'e mane aperte int' 'e brillante

e nun s' 'e ppiglia: che s' 'e ppiglia a ffa?

E che curredo tene! Nu mantello

ca luce cchiù d' 'o sole e nun è d'oro;

quanno se mena ncuollo stu tesoro,

abbaglia 'a vista: nun se può guardà.

Pò tene nu relogio cumpiacente,

cu sissanta minute d'allegria,

mmiez' 'o quarante liegge: FANTASIA

e fa tà-tì, tà-tì, nun fa tì-tà...


omoerectusiculo 46M
6 posts
1/8/2006 6:00 pm

... parola di omoerectus! più in tema di così!?

e comunque aggiungerei (unendomi alla schiera di chi non si è mai misurato): può voler significare o una "rinuncia" per assoluta mancanza di competitività, o per assoluta inadeguatezza - io se devo essere sincero...

per me quello che conta è l'ispirazione: viene a visitarti quando meno te lo aspetti; determinante è un desiderio feroce ed istintivo: il miglior richiamo per essa. (chi suona jazz lo sa)


rm_BackStrollOn 63M
193 posts
8/11/2006 4:39 pm

Ma signorina!!!vorrebbe veramente dire che un dinosauro è più evoluto di me?in effetti ho sempre pensato che Darwin aveva azzeccato la teoria ma ha sbagliato il verso.Cioè che l'uomo è l'essere più imperfetto e i monocellulari stanno al vertice della gerarchia di S.Agostino.Avete mai visto un'ameba che va dallo psicanalista?
Per me mi fermerei al rinoceronte:
-la dimensione è sufficientemente spettacolare;
-mi gusterei lo spanking con spazzole di ferro;
-la cantaride per me sarebbe un'endorfina.
...e potrei spacciarmi per le occasioni eleganti,previo allenamento alla cyclette, per UNICORNO,come si dice:
a caval dotato non si guarda in bocca!


YuM403 41M
1174 posts
1/28/2007 4:36 pm

    Quoting Priapeo:
    Solo due domande a fior di dura madre e secondo diverse sfumature di grossolanità:

    1) In che senso il pene di un gorilla e’ mediamente uguale ad una penna biro? nel senso che ci può fare degli schizzi? (A H ! A H ! A H !)

    2) Di un articolo scientifico che disserta di peni, si può dire legittimamente che tratti di cazzate?

    infine (ma questo è un consiglio per le ragazze)

    3) Non fidatevi mai di un uomo che vi giura di non esserselo mai misurato.
Aroveto wrote:
") Sì, oppure per scrivere un trattato di diritto penale. Risposta a 2) Sì, ma dipendende dall'importanza della cazzata: mai sottovalutare il fatto che in fin dei conti la maggior parte degli eventi storici sono accaduti per una testa di cazzo. 3) Falso. Io per esempio appartengo alla categoria. Insisto sulla citazione del sesso fatto dai geometri."

1) si, infatti il signor BIC diventò famoso guardando il suo.
2) si, infatti chi disserta sul pene usa solitamente biro BIC
3) le penne biro sono di misura standard, io uso solo pennarelli

---------ReMix your life----->

ReMix your life


Become a member to create a blog