Santita'  

loveyoubaby76 40F
983 posts
5/4/2006 2:30 pm

Last Read:
5/31/2006 2:04 pm

Santita'


"Mentre nostro signore mi parlava ed io contemplavo la sua meravigliosa bellezza, notavo la dolcezza e talvolta la severita con le quali la sua bocca cosi bella e divina proferiva le parole. Avevo un desiderio estremo di sapere quali fossero il colore dei suoi occhi e la proporzione della sua figura, onde poterne parlare" (santa Teresa)
Impurita' della santita femminile, a dir poco, quel " il colore dei suoi occhi" fa semplicemente tremare. Tra me e santa teresa scorgo solo una differenza della capacita' di delirare, una questione d'intensita', di direzione dei capricci. I santi furono dei grandi perversi, come le sante furono delle manifiche voluttuose. Gli uni e le altre, folli delle proprie idee, trasformarono la croce in vizio. La profondita' e' la dimensione di coloro che non sono in grado di variare i loro pensieri e i loro appetiti, e che esplorano una stessa regione del piacere e del dolore. Che dice prof? Vorrei un futuro alla Santa Teresa? Certo prof!! Essere fuori cosi dalla mattina alla sera senza spendere un Euro? Avrebbe almeno un vantaggio certo, e tra amare Dio o una sgualdrina c'e' poca differenza, il movimento e' lo stesso, stesso impulso da creatura. Cambia soltanto l'oggetto, Dio e' semplicemente un diversivo tra tanti.
Prof, pero', mi stia a sentire, noi moderni togliendo l'inferno dal mondo, l'abbiamo messo dentro di noi. Non abbiamo piu terrori che non siano trasposti soggettivamente, la psicologia e' la nostra salvezza, la nostra scappatoia. Un tempo si credette che il mondo fosse uscito da uno sbadiglio del diavolo; oggi non e' piu che e' un errore dei sensi, un pregiudizio dello spirito. Ma anche se conosciamo i nostri mali, non per questo siamo immuni. Noi spiegamo tutto, perfino le nostre lacrime ma le spieghiamo e basta. Una cosa non torna del nostro modo di fare: se l'amore e' cosi' poca cosa, da dove viene il nostro sentimento della solitudine?

malamela75 41M
61 posts
5/8/2006 7:38 am

la semplicità: rischio o colpa? prima si viveva nella paura della punizione ultraterrena, oggi si calcolano le azioni sulla perecentuale di successo (o se vogliamo sulla percentuale di essere beccati)... non esiste il paradiso così come non esiste l'inferno... dentro di noi c'è solo l'infinito o solo il concetto di infinito (che poi è lo stesso), al quale dobbiano dare risposte, con il quale dobbiamo convivere, ed in fin dei conti riempire di qualcosa.


fortune_six 46M

5/8/2006 3:55 pm

Accosti veli così fini per placare chi ha bisogno di credere che ci siano muri laddove è di casa la trasparenza.
Mah!


prima_o_poi 58M
91 posts
5/9/2006 1:47 am

Ad Alessandria avevamo giusto bisogno di una santa! Se invece di fare la processione per la madonna della Salve la fanno per Santa Lyb giuro che ci sono. Io sono fedele al credo di Lyb,
anche se scorgo una inconsistenza tra due suoi enunciati
se il corpo non e' l'anima cos'e' l'anima?
l'anima e' una misura dell'impotenza della ragione


loveyoubaby76 40F
292 posts
5/12/2006 6:17 am

malamela, il punto e' che non c'e' rischio. E' come giocare a poker con numeri nominali, sapendo che non si paga.

pop, dici? sei sicuro che siano inconsistenti? ad un primo sguardo mi vengono in mente almeno 3 linee difensive. Scommetti? solita posta , vale tutto.


Become a member to create a blog