Un inciso (parte prima)  

Gxxxx66 50M
0 posts
10/12/2005 4:23 pm

Last Read:
3/5/2006 9:27 pm

Un inciso (parte prima)

Avrei dovuto scrivere di sesso ed invece torno a scrivere di coppia, di amore, di intelligenza, di abitudini e di riti.
Confesso: una musa mi ha spinto a deviare dal mio nativo percorso.
Chi? Una musa? Di cosa si tratta? E' forse una dea o una fata o forse uno spirito?
No, niente di tutto questo: è una donna, in carne ed ossa. (una gran bella figa a mio parere Ndr).

"Rugjiada
Una donna disinibita,ma stanca,stanca della monotonia del suo rapporto,in cerca di quel brivido che gli uomini sanno dare ma che poi si dimenticano di rinnovare,o di quella complice trasgressione che una donna sa trasmettere.
Non ho uno stereotipo di persona da indicare,se sarai tu a darmi quel brivido lo capirò,non sono timida per cui non avrò difficoltà a dirtelo,ma dovrai davvero essere speciale,non in bellezza non in simpatia non sessualmente,ma nella capacità di colpirmi con niente."

Rugjiada è la conferma della vignetta che accompagna il mio primo scritto pubblicato in questa "comunità".
Guardate ancora la vignetta e leggete tra le righe: tutto quello che la mia musa descrive era già lì, nella vignetta.
La donna che vive nel rito e l'uomo che muore nelle abitudini.
Attenzione, non fate l'errore di interpretare il termine "abitudini" in modo superficiale, banale ed errato.
Quanti maschietti hanno abitudini che, pur sopravvivendo alla polvere dei lustri, mai hanno pensato di cambiare od abbandonare perchè annoiati o demotivati? La partita con gli amici, la visita alla mamma, la puntatina all'autolavaggio, la partita con gli irriducibili, .....
Di contro, gli stessi maschietti perdono interesse e motivazione per quella donna che ha fatto loro battere il cuore, straripare di sangue i tessuti priapei e spingerli a compiere cose (non parlo di sesso) che hanno rimosso dalla loro memoria disconoscendone totalmente la paternità.
Nel frattempo, la loro donna/femmina/amante ha coltivato i riti, per lei sempre più sacri, per leisempre più gratificanti.
(continua)


Become a member to create a blog