Pensieri, pensieri.  

Aroveto 46M
55 posts
12/5/2005 11:37 pm

Last Read:
3/5/2006 9:27 pm

Pensieri, pensieri.


Nonostante tu sia/la mia rondine è andata via/sai di vento del Nord/sai di buono ma non di noi... canzonetta stupida ma che va diritto al cuore, ma che soprattutto mi fa distrarre dal pensiero dell'incombente matrimonio. Ho la sindrome del film "Quattro matrimoni e un funerale", perchè sono sempre invitato ai matrimoni ma non sono mai lo sposo? E pensare che tutto sommato le cerimonie mi piacciono, gli abiti eleganti portati con difficoltà, gli improbabili cappellini delle signore, il cibo finto raffinato che non piace a nessuno presentato con nomi assurdi - tipo: morso di san daniele con cascata di frutta per dire prosciutto e melone; oppure veloce squalo del baltico con pasticcio di mais, per dire polenta e baccalà -, la noia mortale della cerimonia religiosa, l'esorbitante costo del regalo, tutte cose che tutti pensano ma che nessuno osa dire a voce alta. Guardo il tight piegato sul sedile del passeggero, perchè in quest'occasione subisco una doppia umiliazione: essere il testimone, e andare allo sposalizio da solo. Preferirei farmi cavare i denti senza anestesia. Scendo, mi metto la giacca con le code, mi aggiusto lo chabod, mi sistemo la gardenia all'occhiello, mi guardo nel finestrino chiuso: sembro un pinguino. Un smorfia di dolore. Sono in anticipo. Entro in chiesa. Ti vedo. Il cuore mi si ferma. Il respiro anche. Guardo attentamente. Stai facendo la cretina con un... o mio dio!... il concentrato di tutto ciò che io odio: un ridicolo, patetico, noiosissimo palestrato microcefalo. Strano: cammina già sulle zampe posteriori. Il mugiko. Mi siedo. Arriva la gente prima alla chetichella poi come un fiume in piena. Non me ne accordo. Sto pensando solo a te. Arriva lo sposo. Sorrisi. Abbracci. Ancora sorrisi. Battute ("la prossima volta tocca a te" ha ha ha, mamma mia!). Attesa. Mi volto. Ti guardo. Ti guardo. Ti guardo. Se mi dici di sì ti porto all'altare subito. Arriva la sposa. Bellissima, radiosa, meravigliosa, stupenda, praticamente non piace a nessuno tranne che a se stessa, alla madre ed alle testimoni. Messa. Promesse. Ti guardo. Lasciati amare. Amen. Codice civile. Firma del registro. Foto di rito, pratica dichiarata contraria ai diritti umani in almeno 16 stati ma da noi ancora in uso: a guantanamo se la cavano meglio. Sei scomparsa. Non ti vedo più. A guantanamo se la cavano davvero meglio. Dio! cosa avrei dato per sbatterti dentro al confessionale, sollervarti la gonna, toglierti a morsi le mutandine e prenderti lì, anche durante la cerimonia, anche durante la consacrazione. Vorrei consacrare il mio amore per te. Il mondo mi crolla addosso. Chi se ne frega, tanto non ho voglia di spostarmi.

Become a member to create a blog